venerdì 27 maggio si parte con un focus sull’artista del Seicento Cesare Pronti, per arrivare all’incontro con il celebre illustratore Tullio Pericoli

Venerdì 27 maggio (fino a domenica) torna il racconto dell’Eroico Manoscritto a cura di Claudio Cavalli e Artexplora. L’impresa del più grande codice miniato donato alla Biblioteca Malatestiana di Cesena viene narrata e sfogliata dagli ideatori del progetto in veste di cantastorie.

All’Oratorio di San Giovannino (via Dante 18) l’appuntamento è alle ore 15.30 con “Il Disegno dipinto”, racconto della mostra su Cesare Pronti, pittore e frate agostiniano (Cattolica 1626 – Ravenna 1708), a cura di Ivana Balducci e Alessandro Giovanardi con allestimento del Sansone e Dalila di Cesare Pronti, grande opera proveniente dalla galleria Altomani & Sons Pesaro.

La confraternita riminese di San Girolamo custodisce, nell’oratorio settecentesco di San Giovannino, ventisei deliziosi monocromi di mano del pittore e frate agostiniano Cesare Pronti realizzati intorno al 1687-88, in parte ovali ed in irregolarmente esagoni, si trovavano in origine a coronamento degli antichi stalli lignei dei confratelli che eredi di una delle più colte e ricche organizzazioni religiose della città aveva eletto san Girolamo (345 ca. – 420), Dottore della Chiesa, a suo patrono: letterato, filosofo, filologo e traduttore della Bibbia ebraica e greca nel latino efficace ed elegante della Vulgata, era considerato protettore e modello degli umanisti. Pronti dipinge Girolamo pellegrino del deserto e un uomo che, attraverso la lotta spirituale, aveva ricomposto in sé la scissione tra cultura classica e sapienza cristiana. Un esempio per i dotti confratelli riminesi.

Al Museo della Città, Sala degli Arazzi (via Tonini 1) ore 17.30 l’evento “Quattro parole sul disegno” vede a Rimini la responsabile dei disegni dalle raccolte Piancastelli di Forlì Antonella Imolesi Pozzi, sul tema “Dall’utile al pittoresco”. La direttrice della biblioteca forlivese, che ha prestato importanti opere alla Biennale, illustra lo straordinario fondo di disegni.

Accanto il focus su Domenico Rambelli con Silvia Fanti. Presenta Annamaria Bernucci. Di Rambelli in mostra vi è un’ampia monografica a Castel Sismondo fino al 10 luglio.

Sempre al Museo della Città, nella Sala del Giudizio (via Tonini 1) ore 18.30 la performance di Teatro Danza in dialogo con i costumi scultura di Sonia Biacchi dal titolo: “Disegno/Danza – Barbara Martinini Vele”. I costumi disegnati per la danza dalla grande stilista Sonia Biacchi sono protagonisti della Biennale Disegno attraverso una coreografia ideata e messa in scena dalla danzatrice riminese Barbara Martinini. (Nei due giorni successivi si svolge un Workshop presso il Museo della Città dalle ore 10 alle 12,30).

La giornata si conclude alla Cineteca Comunale (via Gambalunga 27) alle ore 21. Per “Incontro con l’autore” a Rimini arriva un ospite d’eccezione: Tullio Pericoli uno dei più grandi illustratori italiani, pittore e sceneggiatore. Pericoli, che ha collaborato con media come Repubblica, Corriere della Sera, L’Espresso ma anche Harper’s Magazine, The New Yorker e ha realizzato le copertine dei maggiori scrittori, oggi dipinge e proprio alla Biennale del disegno di Rimini si possono vedere 50 delle sue opere dipinte e disegnate su carta metà delle quali sono state eseguite appositamente per questa occasione, nella mostra nelle magnifiche sale storiche della biblioteca “Gambalunga”. La mostra è a cura di Elena Frattarolo in questa serata in veste di intervistatrice. Seguirà proiezione dei video Sulla Terra e trentasette Ritratti sonori di Toni Servillo.

http://www.biennaledisegnorimini.it/disegno-festival

Per informazioni:

  • Assessorato alla Cultura del Comune di Rimini – Musei Comunali
  • Telefono: 0541 704414/704416/704424 mail: musei@comune.rimini.it
  • www.riminiturismo.it

 

Ufficio stampa:

  • Emilio Salvatori Comune di Rimini
  • ufficio.stampa@comune.rimini.it – 0541 704262
  • Tatiana Tomasetta
  • cultura@aptservizi.com – 338 9179905